Troppo giovani. Le spose bambine del Nepal

il

Se sei maschio fai la guerra, sei sei femmina fai i figli. In tante parti del mondo il destino dei minorenni è già deciso. Come quello delle spose bambine. Difficile capire dove finisce la tradizione e inizia l’abuso. Da sempre le donne si sono sposate giovanissime, soprattutto nelle realtà rurali, ma è un dato di fatto che sempre più spesso questa pratica si trasforma in violenza. La bambina diventa oggetto a cui viene negato ogni genere di istruzione e tutela. Afghanistan, Bangladesh, Malawi, Nepal, Sud Sudan, Tanzania, Yemen e Zimbabwe sono i Paesi nel mirini delle Ong internazionali per la tutela dei diritti umani. In tutto il mondo sono circa 720 milioni le donne costrette a sposarsi prima dei 18 anni.

Mamata Kumari Mandal, 17 anni, con i suoi due figli di 2 anni e 6 mesi ©Paulomi Basu
Mamata Kumari Mandal, 17 anni, con i suoi due figli di 2 anni e 6 mesi ©Paulomi Basu

È questo il tema al centro del progetto fotografico di Paulomi Basu che ha lavorato in Nepal. Paese piccolo, ma ricco di contraddizioni (Qui il portfolio completo). L’aspetto più inquietante che emerge da questo lavoro non è il matrimonio in sè, ma la morte del marito. Sembra un paradosso, ma a volte è la morte dello sposo, magari già in età avanzata, a creare ancora più problemi alla giovane consorte. Le vedove rimangono nella famiglia del marito dove subiscono violenze e abusi. Questo quando non vengono accusate di stregoneria. Non è raro che una donna venga punita per la morte del marito, anche se lontano chilometri da casa, per un presunto uso di magia nera.

Io e mia sorella abbiamo lavorato nei campi appena dopo l’età per poterlo farlo. Ho dovuto sposarmi perchè lo volevano i miei genitori. Non voglio questo per mia figlia. Non sono istruita e non so come funziona il mondo. Non possiedo denaro. Voglio che mia figlia sia educata e abbia una vita migliore della mia

dice a Human Rights Watch Kalpana T., che vive nel sud del Nepal e che si è sposata dopo il terzo o il quarto ciclo mestruale. Lei stessa non è sicura della sua età. Succede anche che un marito si sbarazzi della moglie simulando incidenti domestici. In Nepal e in Pakistan avviene tutti i giorni.

Il rito del chhaupadi ©Paulomi Basu
Il rito del chhaupadi ©Paulomi Basu

Da questo punto di vista il Nepal è una terra molto problematica perchè le tradizioni antiche sono dure da estirpare. Una di queste tradizioni è il chhaupadi, che altro non è che l’allontanamento della donna nel suo periodo mestruale. Grandi o piccole che siano, le donne devono vivere lontano dal proprio villaggio, in una capanna o in un riparo di fortuna. La spiegazione? L’impurità del loro sangue che contaminerebbe il resto della comunità.

Il terremoto ha devastato il nostro Paese. Molti bambini hanno perso i genitori e sono diventati più vulnerabili

dicono dall’associazione Crehpa, organizzazione nepalese che vuole contrastare il matrimonio dei minorenni. Aumentano i rischi e i rapimenti. Al confine meridionale con l’India la paercentuale dei matrimoni dei bambini raggiunge il 75% contro il 41% del resto del Paese. Ola Perczynska perThe Guardian nel febbraio 2014 ha però sottolineato il fatto che questi matrimoni dipendono dalle tribù, dalle etnie e dalla religione. Inoltre il 10% delle ragazze sceglierebbe chi e quando sposarsi. Inoltre c’è un problema sanitario che va considerato. Il parto in età adolescenziale rischiano di complicare lo stato di salute della giovane.  Il fisico non è ancora pronto per una gravidanza e non tutte le giovani, in caso di necessità, possono accedere alle cure negli ospedali.

 

 

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...