Le donne sui monti dell’Atlante: reggono il mondo sulle loro spalle

il

Secondo la mitologia greca, il mondo era sorretto dal titano Atlante, figlio di Giapeto (o Zeus) e Climene. Ci immaginiamo un uomo corpulento, barbuto, un gigante dalla forza divina per sostenere il peso del suo fardello.

Eppure, alle falde dell’omonima catena montuosa in Marocco, Atlante appare più aggraziato, con le fattezze di una giovane sorridente dagli occhi scuri, o di un’anziana piegata dall’età e dalla fatica.

Middle East Eye ha pubblicato una bellissima galleria fotografica scattata da Rik Goverde.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Immagini da un luogo remoto; il villaggio di Tizi Oussem che, nonostante faccia parte di itinerari turistici, ha mantenuto le antiche tradizioni berbere.

Come le nostre nonne nei paesi di campagna o di montagna, sono le donne i pilastri di quella società. In un mondo proiettato al futuro che chiama a gran voce la parità sessuale senza mai raggiungerla, qui il mondo si è fermato. Uomini e donne hanno mansioni differenti. Indipendentemente da ciò che si può pensare, soffermiamoci a osservare il sorriso di quella giovane col sacco sulla spalla. A noi Atlante piace immaginarlo così.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...