Dove vanno a morire i giornalisti. Analisi dei rapporti RSF e CPJ

Siamo sotto Natale, dovremmo essere tutti più buoni, ma dato che non son mai stato nello spirito “babbonatalesco” preferisco dare uno schiaffo alla spensieratezza delle feste e voglio proporre l’articolo di Alberto Bellotto sul suo sito Lostindatablog.  Ecco i fronti dove vanno a morire i reporter.
Oltre il perbenismo e i pacchi di natale….tanto per non perdere aderenza con la realtà e farsi una bella lettura natalizia…

Lost in Data

I due rapporti

Brazil: Brazil Camera Santiago Andrade Dead

La fine dell’anno, si sa, porta con sé dei bilanci. Uno di questi riguarda i giornalisti morti mentre raccontavano la quotidianità che si fa storia. In questi giorni sono usciti due report, con dati leggermente diversi, in merito ai giornalisti uccisi, rapiti o arrestati mentre facevano il loro lavoro. I due rapporti sono rispettivamente quello di Reporters sans frontières che ha pubblicato il suo annuale resoconto sulla violenza contro i giornalisti, e quello del Committee to Protect Journalists che dal 1992 si batte per la libertà di informazione.

Com’è andato il 2014?

Viaggio tra i chiaro-scuri di una professione ancora pericolosa

View original post 337 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...